×

Add the contact block here or your own custom code

×

Un Gioiello Di Storia

Un Gioiello Di Storia

Ad agosto quasi per magia, in un castello di insospettata bellezza, arroccato nel verde respiro dell’Umbria cuore d’Italia, il tempo si riavvolge su se stesso fino a rivivere l’antico splendore di un influente comune medioevale del perugino attraverso una ricca alchimia di spettacoli e incontri dedicati all’arte, al teatro alla musica e alla memoria delle proprie origini.
Nato nel 1965 per promuovere turisticamente il centro medievale di Corciano, il Festival ha sempre prodotto iniziative artistiche e culturali di alto livello, cercando sempre di adeguarle al contesto storico in cui venivano realizzate: l’intatto tessuto medievale del centro storico.
Il borgo, nato dal seme di un antica leggenda, che lo vuole fondato da Coragino, mitico compagno di Ulisse, proprio in seguito ad un dissidio con l’eroe omerico, è stato nel corso dei millenni un insediamento etrusco e poi romano, un libero comune nel 1242, una pedina strategica nel piano di conquista del Capitano di Ventura Braccio da Montone e un potente feudo dei Duchi della Corgna.
I palazzi, le opere d’arte e l’intatto tessuto medievale del centro storico, chiuso nell’anello delle possenti mura difensive, sono la testimonianza di questo nobile passato che rende Corciano un gioiello di storia sopravvissuto al tempo e uno dei Borghi più belli d’Italia.
Il Festival riflette la vocazione intellettuale alle arti e allo spettacolo insita nell’anima di questo comune e si colloca all’interno di un percorso di ricerca e di analisi delle proprie radici.
La storia infatti, è la grande protagonista dell’Agosto corcianese, attraverso quattro emozionanti momenti rievocativi: la cena di Bacco, le Serenate dei menestrelli, la Processione del Lume, il Corteo del Gonfalone.
Ogni anno, nella notte del 10 agosto, sotto un cielo ammiccante di stelle, il Corciano Festival dedica a Bacco e al suo prezioso nettare un raffinato itinerario di degustazione.
Le intense sfumature di pregiati vini incontrano i sapori della cucina medievale umbra, in una serata frutto di una laboriosa ricerca. Ambientata nella suggestiva taverna, con la complicità romantica del passaggio delle Perseidi, la serata è ulteriormente arricchita da momenti di spettacolo e di narrazione dedicati al dio dell’ebbrezza.
Dedicata alla celebrazione dell’amor profano è la serata dei menestrelli, ambientata per le vie del borgo, nella notte del 13 Agosto.
Sotto il riverbero argentato della luna le dolci serenate dei menestrelli si intrecciano ai sospiri di dame e fanciulle affacciate a finestre e balconi. La serata si conclude con una festa nella piazza principale del paese dove, in pieno clima rinascimentale, l’amore viene festeggiato con danze d’epoca, al suono di cornamuse e tamburelli.
tradizione religiosa si celebra invece, nella notte del 14 Agosto, la Processione del Lume. La rievocazione storica si riferisce alla cerimonia con cui la magistratura corcianese donava un cero, “Il lume”, alla Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, secondo quanto sancito dallo statuto comunale del XVI secolo.
Alla fioca luce di torce e fiaccole nel corteo sfilano i magistrati con il loro seguito, i collegi delle arti con le loro insegne il clero e i popolani accompagnati dal canto di antiche laudi e orazioni latine. Una rappresentazione di grande intensità tonale che si conclude con la consegna del Lume ai piedi dello splendido affresco del Perugino situato all’interno della Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta.
L’appuntamento con la tradizione si conclude il 15 agosto con i fasti del Corteo storico del Gonfalone, che si snoda dal convento di Sant’Agostino per le vie del Castello.
Palazzi storici e vie del centro storico diventano le quinte di scena per una rivisitazione, che coinvolge più di 200 figuranti raccolti intorno al Gonfalone di Benedetto Bonfigli risalente al 1472. Uno spaccato policromo che in un tripudio di velluti, broccati e stemmi offre un immagine nitida e appassionante di una Corciano fiera della sua antica storia.
Nato nel 1965 per promuovere turisticamente il centro medievale di Corciano, il Festival ha sempre prodotto iniziative artistiche e culturali di alto livello, cercando sempre di adeguarle al contesto storico in cui venivano realizzate, l’intatto tessuto medievale del centro storico di Corciano.
I settori in cui si articola il Festival sono: le arti visive, il teatro, il Concorso Internazionale di Composizione Originale per Banda e i concerti ad esso collegati, gli incontri culturali, le rievocazioni in costume della storia medievale di Corciano.
Corciano è uno dei Borghi più belli d’Italia, il Festival riflette la vocazione intellettuale alle arti e allo spettacolo insita nell’anima di questo comune e si colloca all’interno di un percorso di ricerca e di analisi delle proprie radici.

Redatto da