×

Add the contact block here or your own custom code

×

Viterbo, Terme E Fattoria

Un evento a partecipazione gratuita che consentirà di conoscere Viterbo la città dei Papi e chi vorrà potrà fare un bagno in notturna nella piscina termale di acqua sulfurea presso le Terme dei Papi dove saremo in sosta.
P.s. Ai partecipanti le Terme dei Papi riserveranno uno sconti di 3 euro a persona l'ingresso in piscina e 10% per i trattamenti

DATA EVENTO
13 - 15 Ottobre 2017

jQuery UI Accordion - Default functionality

13-14 Ottobre 2017 - Viterbo città dei Papi


Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

Viterbo è definita da secoli la città dei Papi, in memoria del periodo in cui la sede papale fu appunto spostata in questa città che ancora porta i segni di quel fasto, pur avendo origini ancora più antiche.
La "Città dei Papi", capoluogo di antica origine etrusca e di grandi tradizioni storiche, conserva un assetto monumentale tra i più importanti del Lazio: aristocratici palazzi, monumenti ricchi di opere d'arte di spiccato interesse, suggestivi quartieri medievali, chiese e chiostri di varie epoche, torri slanciate ed eleganti fontane in peperino (la tipica pietra delle costruzioni viterbesi).
Il nucleo storico iniziò a svilupparsi verso l'anno 1000 intorno all'antica Castrum Viterbii sul Colle del Duomo e nel breve volgere di poco più di due secoli, raggiunse uno sviluppo talmente notevole da contendere alla vicina Roma l'onore e l'orgoglio della sede papale. E' cinta da alte mura medievali merlate e da massicce torri (costruite dal 1095 al 1268), ancora oggi pressoché intatte, con accesso da 8 porte.
Quest'area raccoglie, in maniera sintetica, la storia di Viterbo dai primi insediamenti fino all'epoca attuale

14 Ottobre 2017 Le Terme dei Papi


Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

Quando i Romani, all’inizio del III sec. a.C., guidati dal console Quinto Fabio Rulliano, superarono le vette del Cimino, trovarono centri popolati sparsi per le valli
dell’Etruria: Castel D’Asso, Cordigliano, Musarna, Surrena, Ferento.
Dal borgo etrusco di Surrena, l’odierna Viterbo, sulla collina del Duomo, si dipartiva una via
che puntava verso il Piano dei Bagni, dove le acque termali erano già largamente usate a scopo terapeutico.
L’esercito romano distrusse i centri etruschi, ma fece tesoro della straordinaria civiltà etrusca che aveva lasciato l’impronta di una cultura termale raffinata; per questo motivo i bagni mantennero il nome di Terme Etrusche, fino ai tempi dell’Impero.

LE SORGENTI DELLA SALUTE

Dodici chilometri di frattura della crosta terrestre da cui spontaneamente emergono, sospinte dalla forza dei gas solfurei e carbonici, numerose acque per lo più ipertermali (40°-58°C) e ricche di sali di zolfo e bicarbonato di calcio, magnesio e altri ancora. Fra tutte, da una bianca montagnola calcarea sgorga la più importante e famosa: la sorgente Bullicame.

LA SORGENTE BULLICAME
La sorgente Bullicame, solfureo-solfato-bicarbonato-alcalino-terrosa fluorata con i suoi 58°C, è da sempre apprezzata per le qualità terapeutiche. Il suo notevole pregio risiede proprio nelle caratteristiche chimico-fisiche che la rendono adatta a molte utilizzazioni in terapia termale (da sempre tra le più apprezzate in Idrologia Medica), in particolare nella cura e prevenzione delle affezioni croniche di tutto l’apparato respiratorio e di quello osteoarticolare; anche le malattie della cute, dell’apparato genitale e le malattie dismetaboliche trovano un notevole beneficio grazie ai trattamenti effettuati con quest’acqua. La stessa sorgente alimenta una splendida piscina monumentale di oltre 2.000 mq.

 

LA SORGENTE BAGNO DEL PAPA
Le Termedei Papi hanno a disposizione anche altre emergenze, diverse per composizione ed indicazioni che creano ulteriori possibilità d’intervento terapeutico (ad es.: in gastroenterologia, angiologia, stomatologia…). Una di queste è quella del Bagno del Papa con qualità carboniche-ferruginose utilizzata nel trattamento delle vasculopatie periferiche.

I FANGHI TERMALI
Un laghetto vulcanico, colmo di acque termali scaturite da innumerevoli sorgenti che ne animano il fondale argilloso, ci offre un fango molto raro perché già maturo. Viene quindi utilizzato in terapia sempre vergine, maturato da millenni sul fondo del laghetto termale. Da qui, le Terme dei Papi estraggono due tipi di fango: quello lavico di colore grigio utilizzato in fangoterapia e quello sorgivo di colore bianco utilizzato per i trattamenti estetici.

CENNI STORICI

LE TERME ROMANE
Le vestigia delle terme romane si estendono per undici chilometri lungo l’antica via Cassia, alla periferia di Viterbo, assumendo particolare rilevanza in prossimità delle tre principali aree termali: Aquae Passeris, Paliano e, la più importante, Bullicame. Ampie documentazioni testimoniano il grande rilievo che la zona termale del viterbese ricopre fin dai tempi più antichi, come attestano gli scritti di Strabbone, Tibullo, Simmaco, Marziale e Scribonio Largo, medico dell’Imperatore Tiberio.

I FASTI PAPALI
In epoca medievale le terme divennero meta privilegiata di molti pontefici. È con Papa Gregorio IX, nel 1235, che ha inizio l’epoca dei fasti papali. Papa Bonifacio IX, nel 1404, accolse l’invito dei priori di Viterbo per curarsi con le acque e i fanghi i “gravi dolori delle ossa”.

IL BAGNO DEL PAPA
Le Terme si chiameranno “dei Papi” soprattutto per l’intervento di un terzo pontefice: Niccolò V. Egli trovò tale beneficio nelle cure dei suoi mali con queste acque, che nel 1450 fece costruire sul posto uno splendido palazzo, così da potervi soggiornare in caso di necessità. Quella costruzione dalle mura merlate, le belle finestre a croce e le sale ricoperte da grandi volte, si chiamò da allora il “Bagno del Papa”. In seguito, Papa Pio II promosse altri lavori di ristrutturazione e ammodernamento dell’importante edificio termale.

NELLA MEMORIA DI DANTE E MICHELANGELO
Di grande valore sono le testimonianze di poeti e artisti importanti. Nella Divina Commedia Dante Alighieri ricorda più volte il Bullicame ed in particolare nel XIV canto dell’Inferno: “Quale del Bulicame esce ruscello che parton poi tra lor le peccatrici tal per la rena giù sen giva quello …” vv. 79-81
Michelangelo Buonarroti, passando dai Bagni di Viterbo in uno dei suoi viaggi a Roma (tra il 1496 e il 1536), fu colpito dalla bellezza delle Terme e ne fece due disegni a penna, che attualmente si trovano presso il Museo di Vicar de Lille in Francia.

 

15 Ottobre 2017 - Fattoria di Nonna Chiara


Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

Una simpatica domenica da trascorrere nella fattoria dei nostri amici camperisti Nazario e Chiara dove pranzeremo con prodotti della loro terra ed animali allevati in fattoria.
Tutti collaboreremo alla preparazione del cibo e si corrisponderà l'importo corrispettivo dei prodotti consumati

COSTI

- GRATUITO PER GLI ASSOCIATI

Per Maggiori Informazioni puoi compilare il modulo o contattarci telefonicamente
InfoLine +39 338 7860333