×

Add the contact block here or your own custom code

×

Abruzzo Natura, Fattorie, Treni Storici

L'Abruzzo, grazie alla presenza di una notevole biodiversità e una ricca presenza di paesaggi naturalistici tutelati da decenni, antiche vie un tempo percorse da pastori (tratturi), monaci, eremiti e viaggiatori, che collegavano siti di interesse storico/religioso, oggi possono essere di nuovo riscoperte da esploratori e appassionati di tutte le età. Anche le numerose aree protette, tra Parchi e Riserve, offrono nuovi percorsi e occasioni per conoscere l’incantevole Abruzzo che visiteremo in Trekking e in Treno

DATA EVENTO
17 - 19 Febbraio 2017

jQuery UI Accordion - Default functionality

17 Feb - Anversa degli Abruzzi in Fattoria


  • Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    La Fattoria “Ricci Quarter Horses” sorge ai piedi di un bellissimo quanto suggestivo paese, Anversa degli Abruzzi, uno tra i “Borghi più belli d’Italia”, ad una altitudine di circa 600 metri s.l.m. immersi nel verde della Valle del Sagittario, nei pressi delle sorgenti di Cavuto, su un territorio ricco di Querce ed Oliveti. Il panorama che si può ammirare e che fa da cornice alla fattoria è senz’altro il paese adagiato sulla montagna con la sua cima “Pizzo San Marcello” ed il monte San Michele su cui si erge la bellissima “Castrovalva “ un’affascinante e pittoresca frazione di Anversa.
    Nella fattoria didattica che sorge a 50 metri dall'Area Camper, si potranno visita gli animali o fare passeggiate a Cavallo

    18 Feb Gole del Sagittario - Trekking con Guida


  • Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    Nelle Gole del Sagittario
    Da Anversa degli Abruzzi a Castrovalva... "le magiche rupi, che cingono il sentiero, superano veramente ogni fantasia" (E. Lear, 1843).
    Riserva Naturale Regionale Gole del Sagittario
    Le spettacolari pareti rocciose del canyon hanno da sempre affascinato gli innumerevoli viaggiatori che si avventuravano nelle terre d'Abruzzo. Tra questi vanno ricordati gli inglesi Richard Keppel Craven e Edward Lear, entrambi autori di interessanti resoconti di viaggio, che ci danno una descrizione dettagliata dell’Abruzzo della prima metà dell’800.
    Poi negli anni venti arrivarono le Ferrovie dello Stato e costruirono la diga di San Domenico al Sagittario, per alimentare la centrale idroelettrica di Anversa. Una parte delle gole fu definitivamente sommersa e il canyon divenne tristemente silenzioso. A difesa dell'ambiente umido delle sorgenti di Cavuto e della flora rupicola delle gole (fortunatamente conservatasi intatta), si è deciso di istituire nel 1991 l'Oasi WWF delle Gole del Sagittario, che poi nel '97 è divenuta una Riserva Naturale Regionale di 450 ettari. Grazie all'intervento della Riserva le acque del Sagittario sono tornate a cantare.
    L’itinerario ad anello prende il via da Anversa degli Abruzzi (585 m), scende alla sorgente Cavuto (ca. 520 m), dove si trovano il centro visita della riserva e il giardino botanico, e poi risale un tratto delle gole fino a raggiungere il crinale del Colle San Michele (847 m) dove sorge arroccato l’abitato di Castrovalva. Percorre l’aerea cresta fino ad affacciarci sulle gole e raggiunge un belvedere che regala spesso l’avvistamento dell’aquila reale in volo sulle pareti del Pizzo Marcello. Raggiunge poi per cresta l'abitato di Castrovalva, dove è prevista la pausa-pranzo presso la Locanda Nido d'Aquila. Dopo la tappa a Castrovalva, scende nella boscaglia per altro sentiero, transitando presso il noto girone Escher della strada che sale al piccolo borgo, intitolato all'artista olandese Maurits Cornelis Escher (quello delle scale impossibili, che nel 1929 soggiornò da queste parti e realizzò una litografia su Castrovalva, oggi ammirata in tutto il mondo).
    Percorso: Percorso ad anello di ca. 7 km

    Dislivello: ca. 350 m
    Difficoltà: E o EAI medio/facile

    Possibile l'incontro con...
    lupi, caprioli, aquila reale, cinghiali, cervi, picchio muraiolo, merlo acquaiolo, gracchi alpini, gracchi corallini, chirotteri
    Equipaggiamento necessario

    Zaino con spallacci, scarponi, abbigliamento a strati (dall'intimo tecnico al pile), giacca, guanti e berretto, crema solare, macchina fotografica, medicine personali, acqua (possibilità di fare rifornimento a Castrovalva).

    18 Feb Sulmona la città dei Confetti


    Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    Un tassello da non perdere nell’Italia da scoprire, quella dal volto semplice ma affascinante delle piccole realtà di provincia, in cui borghi e città si incastonano in contesti paesaggistici di eccezionale valore.
    Famosa in particolare per la bontà dei suoi confetti, vicina alle mete turistiche più conosciute del centro Italia, luogo ideale per una vacanza tranquilla, fatta di gusti e sapori genuini propri dell’Abruzzo interno, dove ancora forti sono i legami con la tradizione che mirabilmente si fonde con storia, arte e cultura.
    Autentica città d’arte, celata dai monti più alti della catena appenninica, Sulmona vanta un consistente numero di monumenti, frutto della sua storia, da abitato italico a municipio romano e fiorente borgo dal medioevo in poi.

    19 Feb Treno Storico Transiberiana d'Italia


  • Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    Un’escursione nel cuore dell’Abruzzo e del Molise tra Parchi Nazionali e Riserve Naturali con una ferrovia tortuosa e difficile che attraversa montagne e strette gole. Partendo da Sulmona a 328 metri slm raggiunge la quota più alta dello stivale con i 1.268,82 metri slm della stazione di Rivisondoli-Pescocostanzo per scendere poi, a Castel di Sangro a 793 metri slm, risalire fino a San Pietro Avellana per poi scendere nuovamente ai 423 metri slm della stazione di Isernia.
    Un tracciato spettacolare che da solo vale un viaggio attraverso centri abitati grandi e piccoli dove la storia ha lasciato numerose e pregevoli tracce insieme a tradizioni artigianali ancora oggi praticate. Un viaggio che unisce il massiccio della Majella con le sue ragguardevoli cime e i suoi grandiosi altipiani carsici con monumenti, opere d’arte e lavoro dell’uomo di queste magnifiche terre. È un po’ come vedere un documentario dal vivo con le immagini che scorrono dai finestrini del treno.

    PROGRAMMA

    -Partenza da Sulmona, binario 1: ore 8:15 (partenza effettiva ore 8:30);

    -Prima sosta della durata di 60 minuti a Palena, territorio del Parco Nazionale della Majella: accoglienza con esposizione, degustazione e vendita di prodotti tipici della zona della Majella. Sul posto lo staff di Pallenium Tourism è a disposizione per informazioni sugli itinerari di giornata e le attività sulla neve: bob, slittini e snowbike.
    1) Per coloro che intendono praticare le attività speci fiche sulla neve come passeggiate a cavallo, ciaspolate e visite guidate all'antico Eremo Celestiniano della Madonna dell'Altare, la sosta di Palena si prolunga per poi, al termine delle attività, raggiungere il centro di Pescocostanzo in pullman riservato (circa 15 minuti di percorrenza) per sosta pranzo libera o presso i ristoranti convenzionati.
    2) Per coloro che non intendono praticare le attività sulla neve, il treno storico riparte dopo 60 minuti per raggiungere dopo pochi minuti la stazione di Pescocostanzo. Dal piazzale della stazione bus navetta riservati a spola per raggiungere il centro storico.
    Sosta per visita libera o guidata del paese, con i suoi antichi palazzi nobiliari e le botteghe dalla risalente tradizione artigiana della lavorazione del ferro, dei metalli preziosi e dei tessuti.
    Ritrovo ai bus per il rientro in stazione: il treno storico parte alle ore 13:30.

    -Arrivo a Roccaraso entro le ore 13:40: sosta pranzo e tempo libero in paese, possibilità di pranzare presso i ristoranti convenzionati del paese.
    Per usufruire delle convenzioni con i ristoranti di Roccaraso, informazioni e prenotazione obbligatoria entro 2 giorni prima del treno storico, ai seguenti recapiti:
    Dalle ore 15:00 è aperto, a 10 minuti a piedi circa dalla stazione, il Palaghiaccio, per quanti vogliano divertirsi pattinando.
    Partenza da Roccaraso alle ore 16:00.

    -Arrivo a Campo di Giove entro le ore 16:30, con sosta intermedia di 60 minuti per visita libera o guidata del paese; il centro storico con la sua caratteristica Piazza Duval è raggiungibile in appena 5 minuti a piedi.
    Partenza da Campo di Giove alle ore 17:30

    -Rientro finale a Sulmona entro le ore 18:15.

    Durante il viaggio lo staff Del Trenino delle Nevi è a disposizione per assistenza e per illustrare ai viaggiatori il territorio attraversato e i segreti di questa antica tratta ferroviaria.
    Un gruppo di musica popolare abruzzese sarà in nostra compagnia tra le carrozze d'epoca per tutta la giornata.

    I costi sono visibili agli utenti registrati su EVCAMPER

    Le quote prevedono: Sosta Camper ( Anversa e Sulmona), Locale Sala Comune, Guida Alpina, Trenino Sorico delle Nevi

    SCADUTO

    Per Maggiori Informazioni puoi compilare il modulo o contattarci telefonicamente
    InfoLine +39 338 7860333