×

Add the contact block here or your own custom code

×

Napoli Storia Arte Anima

“Parto... non dimenticherò né la via Toledo né tutti gli altri quartieri di Napoli; ai miei occhi è, senza nessun paragone, la città più bella dell'universo”. Così Stendhal raccontava la sua Napoli. Una città con mille volti, colori, voci, odori: una città vera e indomita, forte della sua ricchissima storia ma fiera del suo cuore verace. Vivere la Napoli più autentica vuol dire scendere per le sue strade, inoltrarsi tra i suoi quartieri, entrare nei suoi mercati. La sua bellezza sfacciata, è quella dei suoi monumenti, delle sue chiese e del suo Vesuvio ma, soprattutto, è quella di chi la abita.

DATA EVENTO
01 - 04 Giugno 2017

jQuery UI Accordion - Default functionality

NEL RISPETTO DI TUTTI I PARTECIPANTI SI PREGA DI GIUNGERE IN ORARIO AGLI APPUNTAMENTI


Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

Ago 338.7860333 - Luca 346.8753559
.

1 Giugno - Solfatara di Pozzuoli


  • Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    Incontro in Campeggio con piscina all'interno della Solfatara per cominciare ad entrare nella vacanza fin dal primo giorno

    La Solfatara di Pozzuoli è senz’altro il più interessante vulcano dei Campi Flegrei, un comprensorio a nord di Napoli costituito da circa 40 antichi vulcani. Nei suoi dintorni vi sono luoghi storici di particolarissimo interesse quali l’ Anfiteatro Flavio, l’Acropoli di Cuma, le Terme di Baia, il Tempio di Serapide.
    Con un’estensione di circa 33 ettari, essa è un’oasi naturalistica che offre gli spunti per una interessante passeggiata con la presenza, oltre che dei noti fenomeni vulcanici, quali le fumarole, le mofete ed i vulcanetti di fango, anche di zone boschive e di zone di macchia mediterranea nonchè di alcune singolarità naturali, geologiche, botaniche e faunistiche.
    La Solfatara di Pozzuoli offre l’occasione per una tranquilla passeggiata in un’area ricca di verde naturale, al riparo dagli abituali rumori della città. I veicoli privati e gli autobus turistici dispongono di un ampio parcheggio nelle zone adiacenti l’ ingresso, il percorso è solo pedonale. Numerosi cartelli indicatori e didattici accompagnano il visitatore lungo il percorso e forniscono informazioni sugli innumerevoli punti caratteristici e le peculiarità naturali.
    La visita della Solfatara ha radici antiche in quanto costituiva una delle tappe obbligate del “Grand Tour”, viaggio istruttivo e di svago che gli aristocratici europei compivano soprattutto in Italia e Francia già nel diciottesimo secolo.
    La durata media della visita è di 45 minuti; un’area di ristoro riccamente alberata permette la sosta al termine della passeggiata.Tutto ciò può essere ancora meglio apprezzato al seguito di una delle Guide Turistiche autorizzate presenti con un loro presidio. Nel corso della visita al vulcano si possono osservare due fenomeni che generano stupore e sgomento nel visitatore: La condensazione del vapore.
    Uno dei fenomeni più appariscenti della Solfatara è quello della condensazione del vapore acqueo che si determina avvicinando ad una fumarola una piccola fiamma: i vapori appaiono progressivamente più intensi poiché sia le minute particelle solide prodotte dalla combustione sia gli ioni dei gas atmosferici prossimi alla fiamma agiscono da nuclei di condensazione del vapore stesso. Il rimbombo del suolo. Un altro fenomeno impressionante è quello provocato da un masso, che, lasciato ricadere al suolo da piccola altezza, in alcuni punti del cratere, determina un cupo rimbombo che crea la sensazione che vi siano delle grandi cavità sotterranee.
    In realtà si tratta di micro cavità prodotte dai gas delle fumarole in un terreno di sua natura abbastanza poroso. Le principali attrazioni turistiche sono: la Fangaia, la Bocca Grande (ovvero la fumarola principale), il Pozzo dell’acqua minerale e le vecchie Stufe (saune naturali).

    2 giugno Centro Storico e Napoli Sotterranea


  • Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    Il centro antico di Napoli è diviso in tre grandi strade (decumani) e piccole strade che l’intersecano (cardini), il decumano più famoso è conosciuto come Spaccanapoli, una strada che vista dall’alto divide letteralmente il centro antico tra il nord e il sud. Riadattato nel corso dei secoli prende il via da piazza del Gesù per arrivare nel tratto finale a Forcella.
    Strada diventata importante per l’alto numero di conventi e per le abitazioni di uomini potenti che vi abitarono.
    Il nostro tour parte da piazza Monteoliveto per addentrarci verso il centro antico; prima tappa è piazza del Gesù Nuovo dove visiteremo la chiesa del Gesù Nuovo, completata nel settecento, oltre che per l’imponente facciata rinascimentale ed il notevole interno barocco, oggi è conosciuta anche perché custodisce il corpo di Giuseppe Moscati, divenuto santo nel 1987.
    Di fronte troviamo la basilica di Santa Chiara, tra le più grandi ed importanti chiese della città, danneggiata dai bombardamenti su Napoli ospita la tomba della dinastia dei Borbone.
    Proseguiamo per via Benedetto Croce passando per San Domenico Maggiore, una tra le piazze più antiche, grandi e storiche della città, fino ad arrivare a piazzetta Nilo e largo Corpo di Napoli, dove si può ammirare la statua del Dio Nilo.
    Lungo il percorso tra guglie e palazzi non verranno tralasciate curiosità e aneddoti, collegate alla storia e alla tradizione partenopea.
    Il tour prosegue salendo verso nord uno dei cardini più famosi al mondo, via San Gregorio Armeno, diventata famosa nel mondo per la presenza di tantissime botteghe di artigiani esperti nell'arte presepiale: un museo a cielo aperto visitabile tutto l'anno.
    Il tour termina con la visita a Cappella Sansevero, una chiesa sconsacrata appartenente alla famiglia di Sansevero, dove è custodito il Cristo Velato, conosciuto in tutto il mondo per il suo velo marmoreo e altre opere singolari come le macchine anatomiche, opere del genio e del carisma di Raimondo di Sangro.
    Dopo pranzo libero, ci inoltreremo nella napoli sotterranea, un affascinante mondo che non ci si aspetta.
    Serata in Camping con cena conviviale

    3 giugno Quartiere Sanità e Catacombe di Napoli


  • Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    Vivono mille mondi tra i vicoli di Napoli, ne esistono altrettanti nelle sue viscere. Due facce della stessa splendida medaglia, una città che serba storie e leggende tra le rughe centenarie dei suoi vicoli e racconta di arcaici luoghi sotterranei. Faremo una passeggiata su due livelli, una narrazione che condurrà il visitatore dal rione Sanità al Cimitero delle Fontanelle, in altre parole “Napoli, sott e ‘ncoppa”.
    Napoli merita di essere raccontata in tutte le sue sfumature, perché ognuna conserva in sé qualcosa di nascosto, di non visto, di esoterico, sia che si tratti di mura battute dal sole, sia che si tratti di luoghi sotterranei.
    Il rione Sanità-Vergini è uno dei più ricchi di storia e di arte, così pittoresco ed intriso di tradizioni, depositario di un patrimonio architettonico sconosciuto ai più. Il percorso sarà, come al solito, arricchito da aneddoti di personaggi legati a questo quartiere; non va dimenticato che questo rione ha dato i natali al principe Antonio De Curtis, in arte Totò.
    Dal sole alle tenebre, quelle del cimitero delle Fontanelle, di sicuro uno dei scenari più affascinanti e misteriosi di Napoli. In questo cimitero, ricavato nella roccia tufacea della collina di Materdei, sono conservati i resti delle vittime della peste del '600 e del colera dell'800, inoltre ci sono i resti dei poveri che non avevano possibilità di degna sepoltura o che non trovavano spazio all'interno delle Terre Sante. Sono stimati circa 40.000 resti umani. Si dice che sotto l'attuale piano di calpestio vi siano compresse ossa per almeno quattro metri di profondità, ordinatamente disposte, all'epoca, da becchini specializzati. Spoglie anonime, adottate dal sentimento popolare e denominate "anime pezzentelle".
    Passeggiamo sul lungo mare dove si potrà cenare liberamente

    4 giugno Parco Virgiliano - il parco della bellezza


  • Le coordinate e l'indirizzo saranno visibili agli utenti registrati all'evento, e solo dopo la conferma da parte dello Staff.

    Si estende su un'area di circa 92.000 m² a 150 m s.l.m., sul promontorio della collina di Posillipo[2], che sotto il parco è attraversata dalla grotta di Seiano. Vi si accede da viale Virgilio, tramite un'entrata monumentale che conduce ad un piazzale nel quale campeggia una fontana di recente costruzione.
    Il parco è caratterizzato da un sistema di terrazze che affacciano sul golfo di Napoli[2], dalle quali si possono scorgere, oltre all'amplissimo panorama del golfo, le ripide pareti di roccia, spesso gialla per la sua costituzione tufacea, del promontorio su cui si trova il parco.
    In un solo colpo d'occhio infatti, è possibile osservare le isole di Procida, Ischia e Capri, l'isolotto di Nisida, il golfo di Pozzuoli, i quartieri di Agnano, Fuorigrotta, Rione Traiano, Pianura, l'Eremo dei Camaldoli, il golfo di Bacoli ed il promontorio di Capo Miseno, Monte di Procida, il Vesuvio, la costa vesuviana, la Penisola sorrentina, la Baia di Trentaremi con i suoi resti archeologici ed il centro storico di Napoli.
    Nel parco sono presenti anche due busti (uno ritraente Simón Bolívar e l'altro Mohandas Gandhi) e dei giochi per bambini. L'anfiteatro ospita spettacoli teatrali e musicali di vario tipo. L'impianto sportivo aperto negli anni sessanta costituisce oggi il Centro Sportivo "Virgiliano", comprendente una pista di atletica leggera con tribuna da 1000 posti,[4] affidato in gestione alle associazioni di categoria.
    Sono presenti arbusti di diverse specie: lecci, olivi, roveri ed un denso sottobosco con piante di mirto, rosmarino e fillirea
    Rientro alle proprie destinazioni e fine del Tour

    PER CHI PARTECIPA CON CAMPER Il costo del Tour comprende: - Sosta con allacciamento Elettrico 3 Notti - Guida Turistica Napoli Centro storico - Guida Turistica Napoli Rione Sanità e Catacombe - Guida Turistica Napoli Sotterranea - visita della Solfatara - Spostamenti Bus, Metro - Ingresso Cristo Velato con prenotazione salta la fila - Ingresso con Guida Napoli sotterranea con prenotazione - Ingresso Monastero di Santa Chiara - Ingresso Cimitero delle Fontanelle
    PER CHI PARTECIPA IN BUNGALOW Il costo del Tour comprende: - Pernottamento in Bungalow 3 Notti nella Solfatara - Guida Turistica Napoli Centro storico - Guida Turistica Napoli Rione Sanità e Catacombe - Guida Turistica Napoli Sotterranea - Guida Turistica Solfatara - Spostamenti Bus, Metro - Ingresso Cristo Velato con prenotazione salta la fila - Ingresso con Guida Napoli sotterranea con prenotazione - Ingresso Monastero di Santa Chiara - Ingresso Cimitero delle Fontanelle

    SCADUTO

    Per Maggiori Informazioni puoi compilare il modulo o contattarci telefonicamente
    InfoLine +39 338 7860333